Home / Sport Individuali / Storia del tiro con l’arco

Storia del tiro con l’arco

UN PO’ DI STORIA:

Il Tiro con l’arco è una disciplina di antiche origini, si ritiene che la prima raffigurazione di un arco si possa collocare a circa trentamila anni fa, sicuramente veniva utilizzato come strumento di caccia per colpire le prede da notevole distanza, incorrendo in minori pericoli.
Come disciplina olimpica, compare la prima volta nei giochi Olimpici di Parigi del 1900, poi successivamente escluso dal 1920 e reinserito alle Olimpiadi di Monaco del 1972.
In Italia, iniziò ad essere praticato come sport negli anni trenta sotto il regime Fascista ed era la disciplina riservata alle “Giovani italiane”.
Fu organizzato anche un campionato femminile promosso dall’ Accademia di educazione fisica di Orvieto.
Nel 1956 a Treviso prese forma la prima società (“Compagnia”) italiana e iniziarono ad essere organizzate le prime competizioni, aperte ad entrambi i sessi.
Vi sono gare sia nazionali che internazionali e ci sono diverse prove in base alla tipologia di gara : FITA (gare all’aperto con distanze conosciute), UNDERFIELD(gare all’aperto con distanze conosciute e sconosciute), INDOOR(gare al chiuso con distanza singola).

INTRODUZIONE SULLE DIVISIONI (Tipologie di Archi):

LOUNGBOW: è l’arco più semplice, composto solamente da un’asta di legno particolare lavorata e messa intensione tramite la corda; il libraggio cambia da arco ad arco ed è modificato dall’allungo dell’arciere.

ARCO NUDO: viene utilizzato nella maggior parte dei casi per insegnare la disciplina del tiro con l’arco ai Neofiti; è composto da un Riser, 2 Flettenti, un Rest, da dei pesi aggiunti, e alcune volte è presente anche un Bottone.

ARCO OLIMPICO: è l’arco principale, è l’unico che viene utilizzato nelle Olimpiadi; come struttura è molto simile o uguale all’arco Nudo, ma in più abbiamo la presenza di un Mirino, un Clicker e lo Stabilizzatore (centrale e laterale); è di precisione molto elevata ma leggermente inferiore al Coumpound.

COMPOUND: arco particolare; molto più corto, ha una precisione e una potenza maggiori rispetto all’ olimpico.
Molto spesso viene utilizzato per andare a caccia.
Oltre all’attrezzatura dell’Olimpico possiede anche una Bolla e una Diottra con ingrandimento fino ad un MAX di 0,45x.

LE MANIFESTAZIONI SPORTIVE:


Vi sono diversi tipi di gare, e in base alle stagioni si svolgono all’aperto (FITA,HUNTER-FIELD,3D) o al chiuso (INDOOR 18mt/25mt, SkyArchery).
Durante la stagione Invernale (ottobre- aprile) si svolgono le gare al CHIUSO.
Durante la stagione Estiva (maggio-settembre) si svolgono le gare all’APERTO.

FITA: gara eseguita in ambienti aperti nella maggior parte dei casi in campi da calcio, la manifestazione sportiva viene suddivisa in quattro sessioni con distanze differenti tra loro.
Ogni sessione è caratterizzata da una distanza fissa e dal tiro complessivo da parte dell’arciere di 36 frecce.
Le prime 2 distanze, le quali sono anche le più lontane, comprendono 6 volee da 6 frecce l’una con un tempo limite di 6 minuti per lo stoccaggio delle frecce di una volee (sessioni di tiro).
Le seconde 2 distanze, comprendono 12 volee da 3 frecce l’una con un limite di tempo di 3 minuti per lo stoccaggio delle frecce della volee.
Nel complessivo l’arciere scoccherà un totale di 144 frecce di gara + una decina di frecce di prova.

HUNTER-FIELD: gara eseguita in ambienti aperti con distanze variabili tra loro, può essere suddivisa nella tipologia (12+12) o (24+24).
Abbiamo che una metà delle distanze sono conosciute, mentre la seconda è formata da distanze sconosciute.
Manifestazione sportiva eseguita su tracciati misti, con pendenze variabili dei paglioni o posizionamenti degli stessi su livelli differenti, per rendere più difficile il tiro.
Ogni volee (sessioni di tiro) è formata dallo scoccaggio di 3 frecce e non vi sono presenti delle pause durante il percorso; il tempo limite per il tiro delle frecce è di 3 minuti.

3D: gara eseguita in ambienti aperti, possono parteciparvi: arco Nudo, Istintivo, Longbown e Coumpound.
Lo scopo di tale manifestazione sportiva è di tirare su un complessivo di 20sagome di animali disposte a distanze sconosciute, dove il punteggio varia in base alla zona dove si colpisce la sagoma animale:
Sagoma= 5 punti; Spot=8 punti; SuperSpèot=10 punti; Perfect= 11punti
Le distanze massime per gli archi nudo, longbown e istintivo è di 35 metri, mentre per il coumpond si arriva fino a 45 metri.
Gara molto recente, entrata in vigore dal 2008.

INDOOR:gara eseguita in ambienti chiusi come palestre o capannoni ben attrezzati.
La manifestazione sportiva viene suddivisa in 2 sessioni di 10 volee.
Ogni volee è formata dal tiro di 3 frecce con un tempo limite per lo stoccaggio delle stesse di 3 minuti ; tra la prima sessione e la seconda abbiamo una pausa di 30 minuti.
Nel complessivo l’arciere scoccherà un totale di 60 frecce.

SKY-ARCHERY: gara svolta in combinazione con lo sci di fondo, gli atleti devono possedere oltre cheuna buona dote arcieristica, anche una buona capacità a livello sciistico.

Rielaborazione dell’articolo effettuata dal socio Fondatore Dott. Riccardo Monzoni

UN PO’ DI STORIA: Il Tiro con l’arco è una disciplina di antiche origini, si ritiene che la prima raffigurazione di un arco si possa collocare a circa trentamila anni fa, sicuramente veniva utilizzato come strumento di caccia per colpire le prede da notevole distanza, incorrendo in minori pericoli. Come…

Vota questo articolo!

User Rating: 4.88 ( 2 votes)
0

About Riccardo Monzoni

Riccardo Monzoni
Dottore in scienze Motorie, Docente di preparazione fisica della Federazione Italiana di Tiro con l'Arco (F.I.T.ARCO), specializzato in Psicologia dello Sport, video-analisi e programmazione di allenamenti personalizzati in sport di squadra ed individuali. Personal Trainer a domicilio

Lascia un commento

Translate »