Home / Pallavolo

Pallavolo

SOCI MASTER, INSTRUCTOR & SPECIALISTI

STORIA DELLA PALLAVOLO (nel Mondo e in Italia):

La Pallavolo, questo bellissimo sport, è stato inventato a “tavolino” negli Stati Uniti, alla fine del diciannovesimo secolo da William C.Morgan insegnante di educazione fisica presso l’Università di Hollyocu, nel Massachusset. Lo scopo del suo inventore era quello di tener allenati, durante il periodo invernale, i giocatori di baseball e di rugby. I giochi conosciuti a quel tempo erano il rugby, la pallamano, il calcio, il baseball e il tennis: di tutti questi sport solo il tennis era adatto ad essere praticato in palestra, ma risulto di scarsa efficacia in quanto si potevano impiegare solo quattro giocatori al massimo. Il professore Morganprovo allora con la pallacanestro ma il tentativo fu vano, infatti le numerose regole e la diversa interpretazione e applicazione non avevano soddisfatto gli atleti. Morgan allora volle inventare (Sembra che il prof. Morgan abbia americanizzato un gioco italiano praticato nel medioevo, dove a differenza del Volley-ball americano che prevedeva solo colpi al volo, veniva data la possibilità di lasciare rimbalzare al suolo il pallone, ma comunque le fonti non sono sicurissime) un gioco del tutto nuovo ispirandosi al tennis ma invece di usare le racchette venivano usate le mani, lo chiamò Volley-Ball. Utilizzò la stessa rete del tennis portandola a due metri dal suolo, naturalmente stabilì che la palla doveva essere presa con le mani e diede la possibilità di giocare a tutti purché divisi in due squadre di uguali componenti.
Le dimensioni del campo erano molto simili a quelle del campo di tennis cioè 10 metri e mezzo di larghezza e 18 metri e 30 centimetri di lunghezza, ma mancava un’altra cosa fondamentale, quasi indispensabili, il pallone.
Inizialmente veniva usato quello di basket, ma come potete immaginare risultò troppo pesante: si ricorse allora all’uso della sola camera d’aria ma questa rallentava troppo il ritmo di gioco e falsava la direzione del colpo, dopo un po’ di tempo si giunse finalmente a un pallone quasi simile a quello attuale le sue misure erano: da 61 a 68 centimetri di circonferenza a da 230 a 300 grammi di peso. Il gioco era molto simile al tennis e vagamente assomigliava alla pallavolo moderna, infatti la pallavolo si è evoluta  col passare degli anni come accade ad ogni cosa veramente valida. Il gioco consisteva: nell’inviare il pallone, col solo uso delle mani, nel campo avversario tramite una battuta che doveva essere effettuata dietro la linea di fondo e c’era la possibilità di commettere un errore perché erano consentiti due tentativi di servizio come nel tennis e la battuta era considerata buona se cadeva oltre i tre metri dalla rete, inoltre il pallone non doveva assolutamente toccare la rete durante il gioco e il numero di tocchi era illimitato. Gli incontri venivano giocati in sets e la durata di ogni set dipendeva dal numero dei servizi corrispondenti al numero dei giocatori. In un secondo momento, per contenere la durata degli incontri si decisi di chiudere il set a 21 punti, cioè chi arrivava prima a 21 punti vinceva il set. Verso il 1917 il set veniva giocato a distanza di 15 punti e adesso a 25 punti con l’abolizione del cambio palla. Naturalmente lo scopo del gioco era di far cadere il maggior numero di volte possibili la palla a terra nel campo avversario e quindi cercare di conquistare più punti possibili fino ad arrivare al traguardo definito, ne nostro caso a 25.

SE VUOI SCOPRIRE ALTRE INFORMAZIONI SULLA “PALLAVOLO”, GUARDA E SCARICA I LINK “pdf” CHE SEGUONO:

1. IL CAMPO
2. LE REGOLE
3. LE ORGANIZZAZIONI

SE VUOI RIMANERE IN CONTATTO CON NOI E CHIEDERE INFORMAZIONI AI NOSTRI ESPERTI DEL SETTORE:

NEWSLETTER2 MI VOGLIO ASSOCIARE2 CANALI UFFICIALI2

BIBLIOGRAFIA:

  1. TVolley.it
  2. http://www.campodarsegovolley.it/storia.htm
  3. http://www.pallavolopadova.com/storia/

Lascia un commento

Translate »