Home / EFS NEWS / studio della Frequenza Cardiaca e dell’accuratezza delle Prestazioni degli Arcieri

studio della Frequenza Cardiaca e dell’accuratezza delle Prestazioni degli Arcieri

Possiamo dire che le prestazioni nel tiro con l’arco e la variabilità della frequenza cardiaca, sono associate ad una maggiore attività parasimpatica; un migliore equilibrio tra simpatico e parasimpatico, i quali portano a dei  benefici per le prestazioni sportive( Lo, Huang & Hung,2008).
Lo scopo di questo studio è stato quello di confrontare la frequenza cardiaca e la precisione nel tiro con l’arco in arcieri esperti e neofiti, per determinare se l’esperienza contribuisce ad una maggiore precisione e ad una riduzione della frequenza cardiaca.
Hanno partecipato diciotto individui di sesso maschile con età (23,2 ± 5,3 anni).
L’ esperimento consisteva nel mirare nei bersagli e tirare con l’arco, cercando di ottenere i punteggi più alti possibili.
Sono state effettuate dodici prove in due sessioni di tiro (vale a dire, un totale di 24 studi) per ciascun partecipante.
Per ogni tentativo di tiro, abbiamo raccolto la frequenza cardiaca immediatamente prima del rilascio e abbiamo anche preso in considerazione il punteggio realizzato con la freccia dall’ arciere.
Il t-test indipendente ha mostrato differenze statisticamente significative sulla frequenza cardiaca (t (430) = – 4,135, p-value = 0.001) e sulle prestazioni del punteggio a bersaglio  (t (430) = 2,745, p-value = 0.006), tra gli arcieri esperti e gli arcieri inesperti.
Gli arcieri esperti presentano una maggiore precisione e allo stesso tempo una frequenza cardiaca inferiore, a confronto degli arcieri inesperti.
È possibile che l’esperienza degli arcieri contribuisca a migliorare il controllo dell’ emozione e, conseguentemente, l’equilibrio tra i sistemi simpatico e parasimpatico.

INTRODUZIONE ALLO STUDIO:

Influenze neurali sono sovrapposte sul ritmo intrinseco del miocardio (McArdle, Katch & Katch, 1996).
Il sistema nervoso centrale controlla la frequenza cardiaca variando il traffico dell’impulso tra il simpatico e le fibre nervose parasimpatiche che terminano nel nodo seno-atriale (Robinson, Epstein, Beiser & Braunwald, 1966).
Frequenza cardiaca e ritmo sono il risultato dell’automaticità intrinseca del nodo senoatriale e della modulante influenza del sistema nervoso autonomo (Lo, Huang e Hung, 2008).
In sostanza, durante l’esercizio fisico, il ruolo primario è dato dal sistema nervoso simpatico sebbene il ritiro delle attività parasimpatiche hanno anch’esse un importante scopo (Birch, McLaren e George, 2005).
In più condizioni fisiologiche i rami efferenti del simpatico e del parasimpatico sono opposti: le azioni del sistema simpatico aumentano l’automaticità, mentre il sistema parasimpatico le inibisce (Sztajzel, 2004).
Il simpatico è responsabile nell’ aumentare la velocità dei sistemi del corpo ed è per esempio utilizzato nelle risposte alla ‘lotta o alla fuga’.
Il parasimpatico è responsabile della restituzione del corpo al normale funzionamento e può essere immaginato come il fermarsi della risposta (Draper e Hodgson, 2008).
Il sistema nervoso simpatico è il motore principale dei cambiamenti fisiologici all’interno del corpo durante l’inizio dell’esercizio (Draper e Hodgson, 2008).
E ‘generalmente accettato che il blocco simpatico abbassa i battiti del cuore
durante l’esercizio fisico, un dato che suggerisce che la stimolazione simpatica contribuisce all’accelerazione cardiaca (Robinson, Epstein, Beiser & Braunwald, 1966).
La stimolazione simpatica provoca un rilassamento delle vie aeree nei
polmoni, un aumento della frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e la profondità del respiro, una inibizione della digestione, la stimolazione delle funzioni del sistema endocrino, il rilascio durante l’esercizio di relativi ormoni e la vasocostrizione dei vasi sanguigni che irrorano gli organi dell’addome, come lo stomaco, reni e intestino (Draper & Hodgson, 2008).
La stimolazione dei nervi simpatici cardioaccelerator rilascia le catecolamine, adrenalina e noradrenalina.
Questi ormoni agiscono a livello neurale per accelerare la depolarizzazione del nodo SA e causare un aumento della frequenza cardiaca (McArdle, Katch & Katch, 1996).
Gli effetti del sistema nervoso simpatico e il rilascio dell’ormone adrenalina durante l’esercizio possono aumentare il ritmo nel nodo SA al massimo, comportando un aumento significativo della Frequenza Cardiaca (Draper e Hodgson, 2008).
L’attività del sistema nervoso simpatico aumenta quando gli esseri umani sono in ansia o si trovano in una situazione di stress (Lo, Huang e Hung, 2008).
D’altra parte, i corpi cellulari del sistema nervoso parasimpatico sono localizzati nel tronco cerebrale e sulla porzione sacrale del midollo spinale.
Quando stimolati, questi neuroni rilasciano il neurormone Acetilcolina, con
un ritardo sul tasso di scarica sinusale per rallentare il cuore (McArdle, Katch & Katch, 1996).
La stimolazione nervosa del Nodo SA passando per la divisione parasimpatica rallenta il ritmo naturale del nodo SA a circa 70-75 bts min-1(Draper e Hodgson, 2008).
L’attività del sistema nervoso parasimpatico aumenta quando gli esseri umani sono spensierati o a riposo (Lo, Huang e Hung, 2008).
L’eccitazione è la componente di diverse risposte emotive, tra cui ansia e paura, ed è caratterizzata da sentimenti di apprensione, nervosismo e tensione.
La fisiologica manifestazione dell’eccitazione, tra l’altro, aumenta la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, l’iperventilazione, o i disturbi muscolo-scheletrici (Noteboom, Fleshner & Enoka, 2001).
Negli sport che richiedono precisione, l’alto livello di eccitazione può ridurre le prestazioni dei partecipanti.
Nei tiratori con fucile, (Sade, Bar-Eli, Bresler e Tenenbaum (1990)) trovarono che i  tiratori altamente qualificati erano meno ansiosi e risultavano migliori in tutti i
Concorsi, rispetto ai tiratori moderatamente qualificati.
Nelle prestazioni di tiro con l’arco, la variabilità della frequenza cardiaca è associata ad una maggiore attività parasimpatica.
L’equilibrio tra l’attività del parasimpatico e simpatico è vantaggioso per le prestazioni nel settore dello sport (Lo, Huang & Hung, 2008).
Adattamenti nelle ANS sono difficili da valutare, ma i cambiamenti nelle risposte nei tessuti bersaglio quali la frequenza cardiaca a riposo, a causa di un maggiore tono parasimpatico e abbassa la frequenza cardiaca di allenamento presso lo stesso lavoro esterno tasso di suggerire influenze di formazione sulla attivazione neurale (Birch, McLaren e George, 2005).
Pertanto, è possibile che i professionisti con esperienza, riescano a mantenere una frequenza cardiaca più bassa rispetto ai partecipanti alle prime armi.
Lo scopo di questo studio era di analizzare la frequenza cardiaca durante le prestazioni di precisione di arcieri esperti e inesperti, cercando di verificare se l’esperienza contribuisce ad una riduzione della frequenza cardiaca e ad un aumento della precisione delle prestazioni nel tiro con l’arco.

CONCLUSIONI:

Gli arcieri esperti, hanno avuto dei risultati maggiori a livello di precisione e la frequenza cardiaca è risultata inferiore rispetto agli arcieri inesperti.
Negli studi successivi si consiglia l’analisi della variabilità della frequenza cardiaca tra  gli arcieri esperti, cercando di verificare se le migliori prestazioni sono correlate a una diminuzione della frequenza cardiaca e ad un miglior equilibrio tra il sistema simpatico e il sistema parasimpatico.

 

Rielaborazione dell’articolo effettuata dal Dott. Riccardo Monzoni
Non è possibile visualizzare l’intero Articolo in Inglese, perchè gli autori non hanno dato il consenso per la diffusione dello stesso.

LINK DIRETTO ARTICOLO ORIGINALE:
Study of the Heart Rate and Accuracy Performance of Archers

Possiamo dire che le prestazioni nel tiro con l'arco e la variabilità della frequenza cardiaca, sono associate ad una maggiore attività parasimpatica; un migliore equilibrio tra simpatico e parasimpatico, i quali portano a dei  benefici per le prestazioni sportive( Lo, Huang & Hung,2008). Lo scopo di questo studio è stato…

User Rating: Be the first one !
0

About Riccardo Monzoni

Riccardo Monzoni
Dottore in scienze Motorie, Docente di preparazione fisica della Federazione Italiana di Tiro con l'Arco (F.I.T.ARCO), specializzato in Psicologia dello Sport, video-analisi e programmazione di allenamenti personalizzati in sport di squadra ed individuali. Personal Trainer a domicilio

Lascia un commento

Translate »