Home / Arti Marziali

Arti Marziali

SOCI MASTER, INSTRUCTOR & SPECIALISTI

STORIA:Arte marziale significa arte di marte il dio romano della guerra, un insieme di pratiche che riguardano il corpo e la psiche che avevano lo scopo di aumentare le probabilità di vincere un combattimento.
Fin dall’antichità 2000 a.C., in alcuni manufatti babilonesi si vedono soldati che durante la lotta si esercitano in sequenze di combattimenti.
Queste antiche pratiche marziali della Mesopotamia si ampliarono in seguito a contatti con l’india e quindi l’oriente.
Già nel 500 a.C. la Cina comprendeva stati feudali in guerra tra loro e la lotta disarmata divenne necessaria per sopravvivere in battaglia e accrescere la propria fama. Dal VI secolo a.C. la Cina divenne uno stato unitario e questo tipo di combattimento divenne molto utile lungo le piste carovaniere che collegavano la Cina all’India e al Medio Oriente.
Contemporaneamente in India per rivalità tra gli stati interni si era formata una classe di guerrieri di ceto alto che praticavano le arti marziali e queste li distinguevano culturalmente e militarmente.
Le arti marziali cinesi ed indiane si integrarono grazie agli scambi commerciali.
Nella culture classiche europee erano presenti forme di arti marziali, in Grecia vi erano discipline olimpiche quali il pugilato, la lotta e il pancrazio, mentre a Roma erano praticate forme di pugilato che traevano le loro origini dal pancrazio greco e nelle arene si scontravano i gladiatori.
In occidente però si continuò a dare un maggior risalto all’uso delle armi.
Invece nel Medioevo ci fu un prolificare di trattati militari che mostravano tecniche di combattimento.
Le arti marziali si sono quindi sviluppate contemporaneamente con la nascita delle civiltà, sviluppandosi in tutto il mondo in base alle necessità e i mezzi di quel periodo e quella zona.
Oggi sono studiate per un miglioramento individuale fisico e mentale, come attività sportiva, autocontrollo, autodifesa e meditazione.
LE ARTI MARZIALI OGGI:Possiamo suddividere le arti marziali in due grandi categorie quelle che sono diventate un vero e proprio sport e quelle che sono rivolte all’autodifesa, però comune ad entrambe è che un arte marziale ha come obiettivo il miglioramento della persona sia fisico che mentale.
Per questo un marzialista oltre al miglioramento tecnico deve avere una preparazione fisica e psichica adeguata, che deve essere specifica e con obiettivi ben precisi, per questo solo con un approccio di tipo scientifico si possono ottimizzare le proprie capacità.
Questo è molto importante perché di solito nelle arti marziali manca un allenamento su basi scientifiche, mentre prevale quello basato sulla tradizione o preso da altre discipline.
Per esempio se chiediamo a persone che cosa pensano dell’allenamento in palestra per le arti marziali, vengono fuori differenti teorie: “non utile, dannoso, fondamentale…”.
In realtà un allenamento in palestra ha senso solo se ha determinate caratteristiche che portino ad un miglioramento delle doti richieste a quel tipo di arte marziale. Se un atleta ha necessità di aumentare la potenza dei colpi, ma allena solo la forza, il risultato di tale allenamento potrebbe essere una perdita di velocità, e visto che la potenza è data da forza per velocità, potrebbe in realtà perdere tempo in un allenamento che non è funzionale ai suoi obiettivi.

TIPOLOGIE DI ARTI MARZIALI:

SE VUOI RIMANERE IN CONTATTO CON NOI E CHIEDERE INFORMAZIONI AI NOSTRI ESPERTI DEL SETTORE:NEWSLETTER2 MI VOGLIO ASSOCIARE2 CANALI UFFICIALI2

 

SITOGRAFIA:

  • http://www.romafitnesscenter.com/artimarziali.php

Lascia un commento

Translate »